Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 04 maggio 2017 alle ore 17:19.
L'ultima modifica è del 04 maggio 2017 alle ore 18:57.

04/05/2017

Il riconoscimento di benefici economici a fronte di una prestazione assistenziale socio-sanitaria da parte di soggetti terzi estranei alla sanità è materia riconducibile alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, in quanto non attiene all'esercizio di un potere autoritativo, ma alla regolamentazione di un rapporto paritetico. Il summenzionato rapporto, a norma di legge, deve necessariamente essere specificamente regolato da una preventiva pattuizione bilaterale, affinché i benefici stessi possano essere ricondotti all'ente pubblico. Non integra la normativa vigente il mero accreditamento della struttura presso l'ente del Servizio Sanitario Nazionale.
E quanto afferma il Tar Sicilia, Sezione III, con la sentenza n. 1047 del 18 aprile 2017

...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.