Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 22 ottobre 2014 alle ore 11:54.
L'ultima modifica è del 22 ottobre 2014 alle ore 13:54.

22/10/2014

La scelta della sede di una farmacia è rimessa alla valutazione del Comune che deve considerare le esigenze della popolazione residente. Il titolare della farmacia ha la facoltà di individuare l’ubicazione del locale, sia all’inizio dell’attività che in caso di trasferimento, all’interno della zona assegnata e nel rispetto del vincolo di distanza di 200 metri da ogni altra farmacia già esistente, ma l’attivazione del servizio è subordinata alla discrezionalità dell’Amministrazione che ben può negare il rilascio dell’autorizzazione.

Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza n. 4705 del 16 settembre 2014 con la quale è stato ritenuto legittimo il diniego di un Comune alla richiesta di...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.