Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 settembre 2018 alle ore 11:10.
L'ultima modifica è del 06 settembre 2018 alle ore 13:10.

06/09/2018

Dopo 10 anni di blocco delle assunzioni, la pubblica amministrazione italiana si prepara a ringiovanirsi e rinnovarsi. La ministra della Pa Giulia Bongiorno, mantenendo la promessa di rinunciare a riforme generali per provare a trascinare sulla terra quelle dei suoi predecessori, ha annunciato di voler anticipare la Riforma Madia: le assunzioni previste per il triennio 2019-2021 irrompono così nel calendario del prossimo anno. Parliamo di circa 450mila nuovi funzionari pubblici. Se questo progetto verrà attuato, non è difficile definire il 2019 un anno decisivo per il futuro del Paese, non solo per l’entità degli innesti programmati ma soprattutto per l’iniezione di produttività e dinamismo che dovrebbero garantire. Si tratterebbe, infatti, di un turn over al 100 per cento: per ogni dipendente che va in pensione (450mila è la stima...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.